Domanda:
Quando si spostano entrambi i comandi sinistro e destro, qual è la sequenza preferita?
Ian Whiting
2017-12-11 12:36:51 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La mia tecnica è sempre stata "più facile, poi più difficile". Quando si passa alla corona grande, prima cambio almeno due volte a destra (più facile) e poi cambio a sinistra (più forte). Quando si passa alla corona piccola, prima cambio a sinistra (più facile) e poi a salire almeno due volte a destra (più forte). Trovo questa tecnica efficace perché mantiene la mia cadenza e previene la perdita di slancio nelle gambe, particolarmente importante quando si passa all'anello della catena grande.

La mia tecnica trattiene l'acqua?

La tua tecnica funziona bene fintanto che funziona bene per te. Il rischio potrebbe essere che la tua cadenza aumenti improvvisamente e perda un po 'di slancio perché sei un po' ripido. Personalmente cerco di salvare le modifiche all'anteriore per un po 'più rilassato del grado: cambiare ad alta tensione richiede una meccanica. Conoscere la salita e cosa succederà aiuterà a prevedere i prossimi 30 secondi.
Non ho mai sentito parlare di un ordine "corretto" per questo. Se la tua tecnica funziona per te, allora va bene. Posso cambiare avanti e indietro simultaneamente sia su che giù senza problemi sulla mia bici equipaggiata con SRAM Force, ma YMMV.
Tre risposte:
#1
+2
Grigory Rechistov
2017-12-11 13:46:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Suppongo di sì. Almeno lo faccio sempre con l'eccezione che premo entrambi gli interruttori contemporaneamente, o almeno senza dividerlo mentalmente in "prima a sinistra, poi a destra". E sì, in genere ha il motivo "due sul retro, uno sul davanti" per avere una transizione fluida.

Sheldon Brown chiama la tecnica "Doppio cambio". L'obiettivo è ottenere un ingranaggio a mezzo passo. L'enorme differenza di numero di denti sui doppi ingranaggi anteriori moderni spiega perché è necessario un doppio cambio posteriore, altrimenti il ​​salto di marcia è troppo grande e sgradevole.

#2
+2
Criggie
2017-12-11 14:30:26 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In genere ho spinto entrambe le leve contemporaneamente quando sono passato a marce inferiori e sono fuori portata. I mech anteriori e posteriori non sono collegati alle bici normali (escluso il cambio elettrico con pantaloni fantasia)

Ad esempio, se finissi in big-big, pugnalare entrambi i malviventi una volta mi commuoverebbe

  • da 46:28 (cioè 43,3 pollici di marcia) a 36:24 (39,6 pollici di marcia)
  • da 36:28 (cioè 33,9 pollici di marcia) a 26:24 (28,6 pollici di marcia)

Quindi è essenzialmente passare a un rapporto di trasmissione "successivo" senza essere eccessivamente complesso.

Uso i brifter RSX 3x7, senza trim. 46/36/26 e 12-28.

Per me, i cambi alla corona grande sono incerti. La gioia di una vecchia bici, quindi non ho parole buone su questo. Il calcolatore delle marce di Sheldon dice che lo stesso funzionerebbe nell'altro modo all'estremità piccola della cassetta.

Per dire questo pasticcio in un altro modo, due turni sul retro + un cambio sulla corona hanno più o meno lo stesso rapporto di trasmissione (entro 1,9 pollici di marcia o 5% all'estremità bassa, o 3,3 pollici di marcia e anche 5% all'estremità superiore della cassetta).

Serve uno screenshot della tabella degli ingranaggi? Non posso dire se questo aiuterebbe o oscurerebbe.
#3
+2
Nathan Knutson
2017-12-11 16:10:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non funziona davvero chiedere o rispondere a questa domanda indipendentemente dal numero di ingranaggi del gruppo posteriore, dalla gamma e dalla differenza dei denti della corona. In particolare, il divario anteriore compatto rispetto allo standard porta a strategie completamente diverse con il cambio.

Più marce dietro per una data gamma di cluster, meno svantaggio c'è nel rimanere nella stessa corona scelta in base a il terreno in cui ti trovi. La marcia tecnicamente più ottimale potrebbe essere ancora su un altro anello, ma ci sono aspetti negativi dell'efficienza e del divertimento nel fare tutto quel cambio avanti e indietro per rimanere al top. Questo effetto è aumentato marginalmente con ogni generazione di velocità.

Maggiore è il gioco della corona, maggiore è il cambio posteriore che devi fare se insisti a sequenziare esattamente le marce. Questo è un grande motivo per cui la compatta è decollata davvero ai tempi delle 10 velocità e non delle 5 velocità: con le estremità posteriori a 5 velocità hai un prezzo per fare quel sequencing, ma con 10 conta molto meno.

Inoltre, maggiore è la distanza tra gli anelli, maggiori saranno i valori di marcia che avrai schiena contro schiena sullo stesso anello agli estremi della gamma di rapporti della bici. Ad esempio, sulla 34-50 11-25 a 11 velocità, le 6 marce superiori sono tutte sull'anello grande e le 4 o giù di lì inferiori sono tutte sulla piccola, quindi ci sarà un sacco di volte in cui il il sequenziamento ottimale non comporta affatto lo spostamento anteriore. Confrontalo con il 42-52 13-25 a cinque velocità, in cui le uniche 1 o 2 marce superiori e 1 o 2 inferiori si trovano sulle rispettive corone. Ancora una volta, hai un prezzo per cacciare in giro.

Se vuoi padroneggiare questo argomento, studiando diverse configurazioni in un calcolatore di ingranaggi come https://www.sheldonbrown.com/gear- calc.html è una buona idea.

Il mio browser mi offre 12 dei miei siti web più comuni ogni volta che apro una nuova scheda. Il calcolatore delle marce di Sheldon è uno di questi.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...